I PROGETTI DEL CENTRO

Strategicamente, le attività di ERSHub sono basate su quattro diversi pilastri: ERS Research, ERS Internal, ERS Outreach, ERS Teaching. L’acronimo di questa struttura (RIOT) vuole appositamente dare un senso di rovesciamento dell’atteggiamento “business as usual”, un rovesciamento che ERSHub si sforza di rappresentare promuovendo pratiche, scelte e scenari aziendali nuovi.

Research

ERS è diventato un tema sempre più rilevante per la facoltà del Dipartimento. La consapevolezza è aumentata, mentre le attività sviluppate da ERShub, per collegare tutti i ricercatori interessati agli argomenti ERS, hanno permesso la costruzione di una comunità di ricerca interdisciplinare con un approccio molto variegato. Le quattro aree principali di ricerca sviluppate all’interno del Dipartimento sono le seguenti:

Organizzazione e strategia

La parte di Facoltà coinvolta nel Facilitation Team di ERShub sviluppa ricerche sulle organizzazioni che cercano di fondere la dimensione economica con l’attenzione all’impatto sociale e all’impronta ambientale, tramite un’ottica organizzativa e strategica. Le organizzazioni ibride sono l’unità principale di analisi e le imprese sociali sono il contesto privilegiato per l’indagine empirica. I livelli di analisi comprendono:

  • le persone coinvolte nel potenziamento dei progetti in grado di offrire loro una seconda possibilità di essere reintegrati nella società,
  • le organizzazioni che necessitano di trovare strategie che consentano la crescita economica preservando contemporaneamente l’impatto sociale o la sostenibilità ambientale,
  • reti di partner di diversa natura, concentrandosi sulle relazioni tra organizzazioni profit e non-profit con la nostra economia e società, dove le organizzazioni ibride sembrano emergere come nuovi attori cruciali che affrontano problemi ambientali crescenti, non risolti da altri meccanismi per decenni.

Intorno a questo centro ci sono anche studi volti a catturare altri aspetti strategici e organizzativi sulle tematiche ERS, quali business modeling e strutture di governance per le organizzazioni ibride, la cattiva condotta delle imprese (in particolare contro i DPI), i gruppi di sostegno dei consumatori e il ragionamento etico-pragmatico, l’approccio manageriale che si concentra sui meccanismi con cui le organizzazioni adattano i loro standard e codici di condotta al loro contesto, ad esempio nella sicurezza delle informazioni. Quest’ultimo sforzo è inquadrato nell’ambito più ampio del Centro di Ricerca sui Sistemi Informativi (CeRSI).

Accounting

Il Centro di Ricerca “Governance and Sustainability” è un centro interuniversitario istituito tra Università LUISS Guido Carli e Università degli studi di Siena. La finalità principale del centro è lo studio e l’approfondimento delle tematiche attinenti alle materie della Corporate Governance, della Corporate Social Responsibility e del Corporate Reporting. In particolare, il Centro si propone di:

  • Raccogliere, organizzare, analizzare ed elaborare dati, informazioni o materiale;
  • Promuovere, sostenere e coordinare attività di studio, di ricerca, didattiche, di formazione;
  • Organizzare e promuovere seminari, convegni e qualsiasi altro tipo di iniziative;
  • Curare la diffusione di informazioni e dei prodotti di ricerca attraverso la realizzazione di pubblicazioni, siti informatici e quanto si ritenga necessario, anche in collaborazione con altre istituzioni pubbliche o private;
  • Promuovere la collaborazione con altre università, istituzioni o enti pubblici e privati, nazionali e stranieri, al fine di svolgere in comune progetti, seminari di ricerca e attività di formazione;
  • Fornire servizi di documentazione e di consulenza a istituzioni, enti o soggetti pubblici o privati, nazionali o locali, italiani o stranieri;
  • Assegnare borse di studio per studiosi italiani e stranieri che lavorano sui temi di interesse del Centro;
  • Assegnare o contribuire all’assegnazione di contributi finanziari per giovani studiosi in relazione a progetti di ricerca nelle materie della Corporate Governance, della Corporate Social Responsibility e del Corporate Reporting.

Marketing

Il gruppo Marketing esamina come i consumatori approcciano le iniziative delle imprese nel settore della RSI e della sostenibilità. Ha condotto diversi progetti che hanno prodotto vari risultati di ricerca, come libri, capitoli di libri, articoli scientifici e conferenze. Due sono i problemi fondamentali. Il primo è capire come comunicare le iniziative relative alla sostenibilità. A questo proposito, il gruppo ha studiato se evidenziare i vantaggi positivi dell’acquisto di prodotti ecologici sostenibili produca effetti migliori che evidenziare i vantaggi negativi dell’acquisto di un ambiente insostenibile. L’altro tema si concentra su come la sostenibilità sia percepita nel contesto dei beni di lusso. L’idea di partenza sperimentare se la percezione diffusa che vede luxury and sustainability come concetti molto diversi, spesso conflittuali, sia vera o no. Infatti, i beni di lusso hanno alcune caratteristiche (durata, produzione limitata prodotta, conservazione delle competenze artigianali, ecc.) che li rendono più sostenibili in natura rispetto a quanto molti potrebbero pensare.

Un’attenzione particolare è stata meritata dall’irresponsabilità sociale dell’impresa e dai suoi effetti – in termini sociali, etici e ambientali – sulle risposte dei consumatori verso le società coinvolte in errori.

Infine, la ricerca recente si concentra sui rifiuti alimentari, sia domestici che associati alle imperfezioni del prodotto. Anche in questo caso l’attenzione è rivolta alle percezioni, agli atteggiamenti, alle intenzioni e alle pratiche dei consumatori.

Social innovation

Il Centro di Ricerca Internazionale sull’Innovazione Sociale (CeRIIS) è stato fondato dalla LUISS e ItaliaCamp nel 2013. La sua mission è studiare il fenomeno dell’innovazione sociale, sviluppare modelli concettuali utili per la sua efficace attuazione, promuovere la sperimentazione e favorire la collaborazione tra tutti gli stakeholder coinvolti in processi innovativi sociali. Il CeRIIS elabora anche progetti sull’innovazione sociale e lo sviluppo sostenibile per conto di istituzioni, imprese e organizzazioni no-profit; Supporta istituzioni, imprese e organizzazioni non profit per realizzare attività appropriate al perseguimento di politiche di sostenibilità.

L’attività di consulenza si concentra principalmente su:

  • modelli di business innovativi per aziende che vogliono soddisfare le esigenze sociali;
  • sviluppo di competenze professionali nella gestione dell’innovazione sociale;
  • nuovi modelli di marketing per soddisfare la domanda sociale;
  • sostegno a diverse organizzazioni, a livello nazionale e locale, nella formulazione delle loro politiche e dei relativi programmi operativi in ​​materia di innovazione sociale e sviluppo sostenibile;
  • sostegno alla fase di avvio degli incubatori / acceleratori delle imprese sociali;
  • supporto alle medie e grandi aziende italiane nella formulazione di strategie di sostenibilità nel processo di internazionalizzazione;
  • supporto alle fondazioni di famiglia nello sviluppo di iniziative di filantropia aziendale.

Internal

Sul fronte interno le attività di ERSHub sono costantemente in sviluppo. Guidate direttamente dal Facilitation Team o semplicemente raccolte da esso, una serie di iniziative vengono portate avanti perché i principi etici cui vi è riferimento nella Home Page siano realmente vissuti e diffusi. Il punto di partenza sono i dibattiti e gli incontri periodici organizzati al fine di creare uno spazio di discussione e confronto fra differenti intuizioni e progetti:

  • Advisory Committee
  • ERS meeting per ricercatori
  • ERS meeting per amministrativi
  • ERS meeting con gli studenti
  • ERSHub Assemblea Generale

Questi ERS meeting servono a rendere evidenti le attività ERS e a sensibilizzare gli stakeholder interni ed esterni, stabilendo un punto di riferimento per come tali attività dovrebbero essere intraprese. Tutti gli organizzatori che svolgono attività di ERS nel loro lavoro sono invitati a partecipare a ERSHub. L’hub, in questo senso, funge da punto di connessione, collante di una rete diffusa e attiva in un range di iniziative che va dall’insegnamento alla ricerca, dall’amministrazione alla responsabilità verso la comunità, e così via. A tal fine sono stati anche realizzati più sondaggi interni per identificare punti di forza e di debolezza, e il commitment verso i temi ERS.

immagineIl Facilitation Team, quindi, funge tanto da connettore quanto da propulsore con l’obiettivo di promuovere lo scambio di conoscenze, discutere le migliori pratiche e incoraggiare la condivisione verso un impegno comune. Per questo ERSHub è una rete orizzontale, composta da tutti gli attori e le azioni che hanno a che fare con ERS: perché l’obiettivo principale è creare connessioni reciproche, grazie alle quali generare nuovi progetti.

Il confronto e la relazione reciproca sono lo strumento principale per coinvolgere il personale docente e amministrativo. Ogni qual volta viene condivisa una serie di tratti di identità, questi divengono i principali punti di impegno per la rete nel suo complesso.

OUTREACH

ERShub si concentra sullo sviluppo di connessioni con grandi imprese, imprenditori sociali e ONG che promuovono questi valori. Gli imprenditori sociali in particolare sono fondamentali per la strategia ERShub, perché si tratta di change-makers che abbracciano attività commerciali con ERS e cercano di coinvolgere altri a generare nuovi legami e reti, scambiare conoscenze, promuovere il cambiamento e, quindi, realizzare nuove soluzioni. Sono il vettore dell’approccio bottom-up che abbraccia ERShub. Per questo ERShub ha creato un dialogo diretto con le imprese sociali (ad esempio Made in Carcere) e anche con le reti e gli incubatori che li supportano, come ImpactHub e Ashoka  (ERShub è nel Venture Board di Ashoka).

Più in generale, l’Università sta integrando argomenti correlati ai temi ERS come dimensioni chiave della crescita, sviluppata intorno ai quattro pilastri seguenti (si tratta di una posizione unica che la differenzia da altre istituzioni):

  • Connettere: creare collegamenti e reti con attori esterni che possono influenzare la strategia aziendale e le sue operazioni.
  • Imprenditorialità: trasformare idee e approfondimenti in piani aziendali, sostenuti da docenti e operatori di mercato.
  • Cambiare: utilizzare competenze non convenzionali per rimodellare e ridefinire le attività commerciali, guidare la trasformazione organizzativa e potenziare le persone a tutti i livelli organizzativi. Sfruttare le competenze insegnate nei corsi di diversità culturale, team building e problem solving per educare e preparare appropriatamente i futuri manager.
  • Impatto sociale: consentire agli studenti di inserire una prospettiva sociale nelle pratiche aziendali, sfruttando l’atteggiamento e la volontà di “fare”, di essere pratici, ma tenendo conto anche dell’etica.

L’Università riconosce che la leadership è la capacità di essere seguiti e l’esemplarità ne è lo strumento. Tale comportamento a sua volta propaga i principi etici nell’organizzazione, aumentando così la facilità di interazione, di fiducia, di coesione e quindi di prestazioni organizzative. Allo stesso modo, quando è in gioco la gestione degli stakeholder, è inevitabile parlare di responsabilità, altrimenti l’affidabilità diventa impossibile. Imparare cosa significhi responsabilità significa imparare a costruire partnership, fiducia e collaborazione di lunga durata. Solo tramite la fiducia è possibile creare reti e progetti che trascendono i confini della singola società generando rendimenti maggiori. Infine, la prospettiva a lungo termine è necessaria per migliorare le operazioni, gestendo saggiamente le risorse che devono essere riprodotte per garantire la sopravvivenza dell’impresa. Comprendere come agire in modo sostenibile all’interno delle comunità e nella società in generale è perciò fondamentale per acquisire questo orizzonte temporale, per creare una crescita fondata su una solida base che possa resistere ad una crisi improvvisa. Tutti i termini contenuti in ERS sono chiaramente legati al dialogo all’interno dell’organizzazione, tra le organizzazioni e nel più ampio contesto di comunità e società. Il dialogo di ERShub con gli attori chiave del settore applica questa prospettiva e diventa reale grazie a numerosi partenariati con ONG, istituzioni e imprese sociali.

TEACHING

Attraverso vari ERSLab appositamente creati e in costante rinnovamento, gli studenti sono in grado di scoprire le proprie attitudini latenti relativamente ai temi di Etica, Responsabilità e Sostenibilità, ottenendo un senso di consapevolezza, solidarietà e responsabilità sia sociale che ambientale. I laboratori sono pensati per consentire agli studenti l’immersione in contesti e problematiche reali, in modo che possano “toccare con mano” problemi e questioni concrete, realizzino dove e come le tematiche ERS possono impattare le dinamiche manageriali, identifichino quali sfide e opportunità possano presentarsi nella loro futura carriera. Questi concetti e le attività che ne scaturiscono sono approfonditi alla pagina Teaching [link].