PARTNERS

Nello sviluppo delle attività relative a ERS della Business School e del Dipartimento, ERShub ha coinvolto numerosi attori esterni, da grandi aziende, alle imprese sociali, da Istituzioni a ONG. Queste collaborazioni portano valore alle attività di ricerca e didattica della Scuola, inoltre sono fondamentali affinché le conoscenze sui valori e sul lavoro di ERShub possano andare oltre i muri dell’Università e diffondersi nella società più ampia attraverso l’organizzazione di conferenze o seminari comuni, il coinvolgimento degli studenti nei lavori sul campo nei locali dei partner o il sostegno finanziario alle loro attività.

Ad esempio, il Salone della CSR, una delle più importanti conferenze italiane incentrate sulla CSR, è stata ospitata dalla Scuola grazie a una collaborazione con NExT, un’associazione di ricercatori e professionisti interessata alla promozione della CSR e di un approccio basato sul sistema ERS nel mondo economico.

Di seguito è riportato un elenco di partner impegnati da ERShub per partecipare a vari progetti e laboratori sviluppati presso la Business School da ERShub:

  • ActionAid, un’importante associazione che si occupa di promuovere l’adozione internazionale a distanza, nonché eventi che sensibilizzino il tema dei diritti umani, ma anche la lotta contro le disuguaglianze fra le persone.
  • Amref, una delle ONG più grandi attive in Africa, impegnata nel miglioramento della salute e della sanità.
  • ASHOKA, un’organizzazione globale che identifica e investe nei principali imprenditori e individui sociali con idee innovative e pragmatiche per risolvere i problemi sociali.
  • Bimbi & Co., associazione il cui scopo è la diffusione della conoscenza di disturbi generalizzati legati allo sviluppo umano, al linguaggio, all’apprendimento nella fase dell’età evolutiva
  • Come un Albero, integrazione, disabilità, e comunicazione sociale costituiscono i punti chiave su cui lavora questa associazione istituita a Roma nel 2004
  • Communità di Sant’Egidio, un movimento mondiale di laici, basato sulla solidarietà e il dialogo per mantenere la pace e combattere la povertà.
  • Communità di San Patrignano, una comunità nata al fine di recuperare persone vittime della droga, fornendo loro e alle loro famiglie l’opportunità di una vita migliore liberi dalle dipendenze
  • Economia Carceraria, ovvero laboratori di cucina e punti di produzione di particolari categorie di prodotti alimentari localizzati in diverse case circondariali, con il duplice scopo di impiegare la popolazione dei detenuti, ma a anche a ricollocarli una volta riottenuta la libertà
  • Elis, un’organizzazione educativa senza scopo di lucro con particolare attenzione allo sviluppo personale e al miglioramento del lavoro. Si rivolge a giovani, professionisti e imprese nel tentativo di rispondere al divario tra scuola e lavoro, alla disoccupazione giovanile e allo sviluppo sostenibile delle organizzazioni.
  • Energia per i Diritti Umani, si occupa di cooperazione e sviluppo internazionale, educazione e consapevolezza sociale in Senegal, Gambia e India.
  • Fair Legals: studio legale che mette a disposizione i propri spazi quali luoghi di espressione ed esposizione per artisti (esordienti e non) offrendo così agli stessi visibilità e risalto, rendendo lo studio un luogo d’Arte e di promozione dei valori a esso connessi, oltre che della cultura della legalità e dei diritti.
  • Hummus Town, un servizio catering interamente gestito da rifugiati siriani, al fine di ottenere l’opportunità di lavorare in maniera indipendente e iniziare una nuova vita dignitosa, lontano dagli orrori della guerra
  • KUKUA, una start-up che sfrutta nuovi mezzi e tecnologie per consentire ai bambini di imparare attraverso esperienze coinvolgenti
  • Made in Carcere, un’impresa sociale che produce oggetti di moda in carcere a partire da materiale riciclato. E’ parte attiva del più ampio contesto Economia Carceraria descritto sopra.
  • REMARC, ovvero l’acronimo del Centro di Ricerca sul Responsible Management nato all’interno dell’Università di Pisa, con l’obiettivo di condurre una ricerca innovativa.
  • Save The Children, una delle organizzazioni più importanti il cui impegno riguarda un ampio ventaglio di tematiche: salute e nutrizione, povertà, educazione, diritti umani e protezione
  • UNICEF, il programma delle Nazioni Unite che fornisce assistenza umanitaria e di sviluppo a bambini e madri in tutto il mondo

Più in generale, dietro ogni partenariato c’è un punto di vista fondamentale: gli studenti devono diventare leader per un mondo migliore. Ecco perché crediamo fortemente che la formazione ERS debba essere sviluppata secondo le linee definite dalla comunità internazionale delle Business School e degli educatori che condividono questa visione.

Gli ERSlabs sono stati sviluppati nel tempo, affinando procedura e processi, continuando a innovare metodi e partner. Ogni ERSlab progettato per sviluppare la resilienza degli studenti, le capacità di lavoro di squadra e la loro capacità di creare soluzioni innovative a veri problemi che le ONG, le istituzioni e le imprese sociali affrontano quando bilanciano l’impatto sociale e ambientale con la sostenibilità aziendale.

Al di là dell’insegnamento, anche i partners hanno aiutato ERShub ad accedere e studiare maggiormente organizzazioni e fenomeni all’incrocio fra business, impatto sociale e impronta ambientale, creando spazio per lo sviluppo di ricerche che hanno formato case studies, documenti, pubblicazioni internazionali e nazionali, conferenze accademiche e scambio continuo con studiosi internazionali e nazionali attivi nel campo ERS.

Questa cooperazione estesa con i partner ha anche contribuito alla diffusione del dibattito su ERS e business, aumentando il collegamento dell’Università con la società.