L’evoluzione dell’ambiente competitivo richiede sempre di più manager e leader dotati di competenze trasversali, comunicative e relazionali, al fine di coinvolgere e motivare tutti i collaboratori al raggiungimento degli obiettivi aziendali Nuovi_percorsi_Comportamentali_fb

Redatto da Anna Zanardi Cappon, Professor of Practice, Luiss Business School e Referente Scientifico del Flex Executive Programme in Coaching

Percorrendo un cammino ignoto, si può immaginare in qualsiasi momento di deviare oppure di proseguire sul tracciato. Quando però di fronte appare un bivio, allora è esattamente quello il momento in cui stabilire se continuare, facendo finta che nulla è cambiato, o se valicare il passaggio che si spalanca inatteso.

Prima che la biforcazione si riveli, scegliere nuove direzioni sarebbe prematuro. Farlo dopo, tardivo. C’è un solo tempo che è quello giusto: il momento opportuno, che i greci definivano Kairos.

Non passa inosservato, Kairos. È un varco evidente in cui qualcosa di speciale accade, dove modelli, sistemi, punti di riferimento sono miscelati e ridistribuiti in modo apparentemente casuale.

Il Covid è arrivato prepotente a mischiare le carte in tavola. All’improvviso ha reso evidente che la relazione fra esseri umani, quando manca, rende la vita difficile da vivere, soprattutto se l’isolamento sociale è imposto e non ricercato, indefinito nei tempi, dettato dalla paura di un contagio. Ha dimostrato come da soli non si possa fare granché e quanto le connessioni siano fondamentali per mantenere un certo grado di efficienza nel nostro funzionamento quotidiano, organizzativo o collettivo che sia. Messi brutalmente di fronte ai nuovi bisogni emersi dal lavoro in remoto, ai cambi di leadership e all’imprescindibile urgenza di nuovi paradigmi di pianificazione, abbiamo scoperto che dobbiamo allenarci a una resilienza a tutto campo: strategica, operativa e comportamentale.

In un ambiente dominato da una digitalizzazione esponenziale di tutte le interazioni e  processi è probabile che, prima di quanto non si pensi, algoritmi e macchine sostituiranno progressivamente gli esseri umani per la maggior parte dei passaggi e dei servizi di produzione.

Se riunirsi e lavorare insieme in uno spazio fisico diventerà man mano inutile, avrà sempre più significato stare insieme non per fare cose, ma per condividere esperienze, creare nuovi prodotti, progettare innovazione.

Questo è quel momento presente opportuno in cui dobbiamo sviluppare l’aspetto dell’organizzazione che permette apprendimenti continui. Formare coesione per imparare, per alimentare passione, per costruire senso dello scopo. Questo senso dello scopo è Kairos, l’intersezione tra il tempo presente e quello che seguirà: è ciò che dà forma alla storia, sia personale che collettiva.

Oggi Kairos impone modelli adeguati a sostenere gli apprendimenti, a solcare nuovi percorsi comportamentali, poiché prepararsi al futuro è qualcosa che avviene nel presente e che, inevitabilmente, quel futuro contribuisce a determinarlo già nel pensarlo.

Per prepararsi a ciò che verrà, nasce la prima edizione del Flex Executive Programme in Coaching. Un programma 90% in distance learning con l’obiettivo di formare Coach capaci di operare nelle organizzazioni, grazie a un percorso innovativo che unisce la conoscenza e la pratica delle competenze di base del Coaching alle skill necessarie a rispondere alle esigenze del nuovo contesto digitale e remoto.

Il Flex Executive Programme in Coaching partirà a Roma l’8 aprile 2021.

Per maggiori informazioni  è possibile scaricare la brochure del programma o contattare i coordinatori didattici all’indirizzo executive@luiss.it.

SCARICA LA BROCHURE

15/2/2021