Luigi Caldarola: «Cambiare lavoro è più facile grazie a Luiss Business School» | Luiss Business School - School of Management
Luigi Caldarola: «Cambiare lavoro è più facile grazie a Luiss Business School»
lbs
Luigi Caldarola: «Cambiare lavoro è più facile grazie a Luiss Business School»
lbs

Dopo cinque anni in Nike, l’ex studente si è lanciato in una nuova avventura, con un settore tutto da costruire a sua immagine. A coprirgli le spalle, le competenze e tanta curiosità. La storia di Luigi Caldarola dopo il Major in Corporate Finance, per la serie #MyLuissBusiness

Lasciare un lavoro che era stato il sogno di una vita in Nike, per un salto nell’inesplorato: Luigi Caldarola ha scelto di provarci, senza paura. A dargli l’energia e la fiducia nelle proprie capacità è stato il suo percorso universitario in Luiss. Oggi, che ha 30 anni, si prepara a diventare il Senior Financial Analyst europeo di StockX, azienda legata al mercato del reselling di prodotti in edizione limitata. Il coraggio di ricominciare con competenze solide e tanta curiosità deriva anche dal Major in Corporate Finance del Master in Financial Management frequentato in Luiss Business School.

Luigi Caldarola, perché hai scelto il Major in Corporate Finance di Luiss Business School?

Ho conseguito la laurea triennale in Economics and Management – Administration, Finance and Company Control alla Luiss Guido Carli. Dopo un’esperienza molto formativa sia a livello personale che professionale a Londra, ho capito cosa non volessi fare nella vita.

Cosa è successo?

In quella prima esperienza avevo a che fare con fondi di investimenti basati sul cambiamento climatico. Successivamente ho capito che avrei voluto avvicinarmi maggiormente al mondo del Corporate Finance. Poi, essendo molto attaccato alle mie radici e alla mia famiglia, ho deciso di tornare a Roma e di proseguire la mia formazione con il Major in Corporate Finance (Macofin) di Luiss Business School.

Come mai hai scelto un master e non di proseguire con una laurea magistrale?

Quello del master è un titolo che ha maggior peso all’estero. Il mondo del lavoro è molto competitivo, soprattutto a livello internazionale: volevo provare ad accelerare l’intero processo.

Che ambiente hai trovato in Luiss Business School?

Un ambiente splendido, sereno, dal respiro internazionale, che mi ha permesso di fare tante amicizie durante l’intero percorso. Ho trovato un gruppo di persone pazzesco, con cui siamo ancora in contatto: non siamo mai stati solo colleghi, ma veri e propri amici, che studiavano e uscivano insieme. Il rapporto con i professori è stato splendido, la didattica eccellente. Le classi hanno un numero limitato di persone, fattore che ha permesso ai docenti di dare ad ognuno un mindset specifico, orientato su di noi. All’inizio non pensavo sarebbe stato così.

Il Macofin è interamente in inglese: questo è stato un problema o un’opportunità per te?

Partivo con una buona base di inglese e lo avevo già esercitato, ma è molto importante essere a contatto con la lingua ogni giorno: parlarlo, capirlo, leggerlo ed esprimersi. Anche tra noi studenti cercavamo di parlarlo il più possibile. Il master lo ha sicuramente potenziato, grazie anche al focus completamente concentrato sul linguaggio del Corporate Finance, un ambito per me completamente nuovo.

Soft skill: come avete lavorato su questo ambito durante il master?

La comunicazione è tutto: cercavamo di comunicare tra di noi il più possibile. Il fatto di sapersi relazionare anche con small talk è fondamentale, fattore che mi ha aiutato sia nel passato che nel mio presente lavorativo. Poi è stato stimolato il saper lavorare in gruppo e cambiare gruppo per avere rapporti con chiunque. Il master ci ha dato un mindset specifico anche su come approcciare determinate tematiche nell’ambito lavorativo futuro.

Quali sono stati momenti più significativi del percorso?

Non c’è stato un vero e proprio momento fondamentale: tutto il percorso è stato meraviglioso. L’iniziare un capitolo nuovo della propria vita con persone con cui ti trovi bene è sicuramente un plus. Il momento più brutto c’è stato proprio alla fine, quando sentivamo che il percorso stava finendo e che ci stavamo lasciando.

Didattica e insegnamenti: cosa ha fatto la differenza?

Chi più, chi meno i professori – tra cui c’erano anche nomi di spicco – avevano alle spalle esperienze lavorative importanti. Si arrivava in classe felici, sapendo che c’erano dei docenti importanti da ascoltare. Oltre ad essere lezioni didattiche, erano lezioni di vita.

Dalla Luiss Business School a Nike: come ci sei arrivato?

Per me lavorare in Nike era il sogno della vita e ci sono arrivato quasi per caso. Ero in Croazia e ho pensato di mandare una mail alle risorse umane per capire se ci fosse quale posizione aperta. Non mi aspettavo una risposta e invece mi è arrivata la notizia di una posizione disponibile e che avrei potuto fare il colloquio immediatamente. Avevo un’altra offerta che proveniva dalla British American Tobacco, ma Nike era il mio sogno. Così mi sono detto “Vediamo come va”.

Quanto ha contato la provenienza dal mondo Luiss?

Molto, perché come dicevo prima è un ambiente internazionale. L’approccio con l’inglese è stato importante, oltre all’esperienza didattica.

E nel tuo passaggio in StockX? L’esperienza in Luiss ha fatto la differenza?

La Luiss è stata la base, il fulcro. Quando mi presento parto sempre dalle basi, dal mio percorso universitario e quindi sottolineo la mia provenienza universitaria. Durante le application che facevo, nei menu a tendina la voce Luiss era tra le prime. È molto richiesta, soprattutto all’estero.

Qual sarà la tua posizione in StockX?

Sarò Senior Financial Analyst a livello europeo. StockX è una grande struttura nata in America e pronta a sbarcare nel Vecchio Continente. Ha duecento dipendenti solo a Londra e nel reparto finance ora non c’è nessuno: sono la prima e l’unica risorsa del settore. Si tratta di una posizione molto dinamica, in cui bisognerà dare una struttura a tutto il settore in cui andrò a operare. Il business è nuovo, sta crescendo e questo richiederà moltissime analisi. Riporterò direttamente alla sede centrale, negli Stati Uniti, anche se lavorerò per lo più in smart working, viaggiando tra Olanda, Londra e America.

Come sarà la tua vita in azienda?

Si dice che chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa quel che lascia ma non sa quel che trova. So che è vero per quanto riguarda Nike: la vita nel campus è stata incredibilmente bella. Ma ora la routine aziendale sarà diversa per tutti. StockX mi permette lo smart working, non andrò in ufficio ogni giorno e so che a livello umano sarà diverso. Per questo ho chiesto di poter avere incontri live con gli altri in azienda: ritengo importante conoscersi fisicamente.

Cosa ti porti da Nike?

Proverò a portarmi tutta l’esperienza multietnica che ho fatto, l’essere molto più aperto rispetto a quando ho iniziato, cercando di essere un miglior business partner. In più, mi porto la struttura di Nike e le conoscenze tecniche, che ho coltivato anche in Luiss.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro? Pensi che tornerai a formarti?

Considero la mia carriera all’inizio. Non pianificavo di cambiare lavoro, ma è successo: potrebbe accadere lo stesso con gli studi. Oggi è molto difficile cambiare e trovare qualcosa di nuovo, anche se è possibile. La competizione è enorme. Quando sentirò di poter conciliare le due cose, vorrei provarci per allargare le mie conoscenze, una delle motivazioni che mi ha spinto a cambiare lavoro.

C’è stato un allenamento alla competitività nella formazione in Luiss Business School?

Sì, ma ciò che ho trovato è una “bella”concezione di competitività tra i colleghi.

Quali sono i tuoi suggerimenti agli studenti futuri e in aula, su come cogliere pienamente le opportunità del percorso?

Innanzitutto, di crederci sempre: vengo da un percorso liceale non facilissimo. Ma ho sempre avuto degli obiettivi specifici su cui focalizzavo la mia attenzione, e non mi sono mai arreso. La vita devi mangiartela, che è una cosa che la Luiss mi ha insegnato. Un altro aspetto fondamentale è viversi il momento: gli anni in Luiss sono stati tosti, ma anche bellissimi.

A quale tipo di creatività si può fare appello, dato che gli studenti di questo ultimo anno non hanno potuto vivere ciò che hai vissuto tu, in presenza? Come si può compensare?

L’aspetto umano è fondamentale, l’ho visto anche sul lavoro. L’ultimo anno in smart working mi ha permesso di tornare a casa, ma credo che un giusto mix tra ufficio e schermo sia l’ideale.

Stai per affrontare un importante switch di carriera: quanto ti ha aiutato il percorso fatto in Luiss Business School in questo passaggio?

Sì. In Luiss ho imparato ad ampliare la mia visione. Prima pensavo che avrei lavorato in Italia, ma durante il mio percorso in Business School, avendo a che fare con tante culture, ho imparato a lasciarmi andare. Da lì è nata la voglia di provarci con Nike, in Olanda. Da quel momento non ho avuto più paura. Voglio ringraziare la mia famiglia che mi è sempre stata accanto e mi ha supportato in ogni scelta. Ringrazio chi mi è stato vicino durante questo percorso, una persona in particolare. Ringrazio inoltre chi ha contribuito a rendere questa esperienza indimenticabile.

Dopo la prima esperienza all’estero, dopo molti momenti difficili, non temi più nulla e ti dici: «perché non provarci anche con una realtà più piccola per farla diventare più grande?». Ma c’è anche un’altra domanda a cui sento che prima o poi darò una risposta.

Quale?

Si parla spesso di fughe di cervelli qui in Italia. Io penso che abbiamo l’obbligo morale di riportare a casa le nostre esperienze e penso che un giorno metterò insieme tutto quello che ho fatto e coltivato per riportarlo qui e far diventare più grande anche casa nostra.

15/6/2021

Data
15 Giugno 2021
Categorie
Inside