News & Eventi | Luiss Business School - School of Management
News & Eventi
News & Eventi
News & Eventi
News & Eventi

16

Dic

Talks on Marketing Leadership: How to Build a Career in Marketing

Giovedì 16 dicembre a partire dalle ore 18.00 sarà possibile partecipare virtualmente al webinar, tenuto in lingua inglese, organizzato dalla Luiss Business School in collaborazione con l’associazione P&G Alumni Italia. Durante l’evento sarà presentata la prossima edizione dell’Executive Master in Marketing con Major in Marketing Management in partenza a Roma il 21 gennaio 2022. Il tema del webinar L’evento digitale sarà un’occasione di approfondimento e confronto con esperti dell’area Marketing provenienti dal mondo accademico e corporate. In particolare, i guest speaker dell’associazione P&G Alumni, percorrendo i propri percorsi di crescita professionale e personale, discuteranno di come una formazione manageriale di alto profilo può contribuire positivamente allo sviluppo di competenze specialistiche e trasversali utili per una progressione di carriera nell’area Marketing. Speaker Marco Francesco Mazzù, Scientific Director Executive Master in Marketing Management, Luiss Business SchoolMarzia Mastrogiacomo, Member, P&G Alumni & former Senior Vice President, LottomaticaChiara Occulti, Vice President, P&G Alumni & former Chief Marketing Officer, Luxottica I partecipanti connessi al webinar potranno interagire attivamente durante una sessione Q&A in cui gli speaker risponderanno a tutte le domande e curiosità. Lo Staff Luiss Business School sarà presente per fornire ulteriori dettagli sull’Executive Master, le modalità d’iscrizione, le borse di studio e tanto altro.  REGISTRATI

20

Nov

Part-time MBA – Open Day

L'Open Day è l’evento di orientamento on-campus dedicato al Part-time MBA, il master in business administration in lingua inglese, dedicato a professionisti che desiderano acquisire nuove competenze manageriali e di leadership, senza interrompere il proprio percorso professionale. Durante l’evento, i partecipanti potranno approfondire insieme al Direttore Scientifico, l’Academic Coordinator, un career advisor e un coach la struttura e i servizi della prossima edizione del programma, in partenza a Roma il 7 aprile 2022, costruito intorno ai concetti di personalizzazione, business impact e innovazione. Una Masterclass in Corporate Finance fornirà un’anticipazione della metodologia didattica usata nelle aule MBA e della Faculty d’eccellenza della Luiss Business School. QUANDO: 20 novembre 2021 a partire dalle ore 10.00 DOVE: Luiss Business School, Campus Villa Blanc, Via Nomentana 216, 00162 Roma Registrati AGENDA e SPEAKER: 10.00 – 10.20 | Presentazione Part-time MBA: Alessandra Perri, Direttore Scientifico Part-time MBA Rome10.20 – 10.40 | Presentazione Attività Trasversali: Maria Isabella Leone, Academic Coordinator MBA11.00 – 11.45 | Masterclass in Corporate Strategy: Edoardo Palmisani, MD & Partner, The Boston Consulting Group12.00 – 12.30 | Presentazione servizi di Career Advisory12.30 – 13.00 | Presentazione servizi di Coaching L’evento è gratuito e si svolgerà dalle ore 10:00 alle ore 13:00. Nel rispetto delle normative di sicurezza Covid per accedere all'evento è richiesta la certificazione Verde (green pass). La registrazione è necessaria. Nella tutela di tutti i partecipanti si ricorda che durante tutta la durata dell’evento resta fermo l’obbligo di indossare la mascherina. All’ingresso della sede, il personale provvederà alla misurazione della temperatura e saranno disponibili punti per l’igienizzazione delle mani. Registrati

29

Ott

Executive Master in Finanza e Mercati – Webinar

Il 29 ottobre alle ore 18.30 sarà possibile partecipare al webinar dedicato alla nuova edizione dell’Executive Master in Accounting & Finance con Major in Finanza e Mercati, un Master di secondo livello rivolto a professionisti, manager e imprenditori che vogliono approfondire le tematiche inerenti alle aree della finanza aziendale, dei finanziamenti bancari e dei mercati finanziari, svolgendo un ruolo chiave in ambito strategico aziendale. NPE come asset class per la creazione di valore Il webinar si configura come un momento di confronto durante il quale lo speaker condividerà riflessioni sull’evoluzione del ruolo degli NPE e l’impatto sul modo di fare business. Speaker Luca Mazzoni, Ceo Protos Lo Staff Executive Education sarà inoltre presente per informazioni sul processo di selezione e le borse di studio ancora disponibili per la prossima edizione dell’Executive Master in partenza il 5 novembre 2021 on campus nella sede di Roma ma frequentabile anche online (via Streaming). Per partecipare all’evento è necessario compilare il form di registrazione. REGISTRAZIONE

28

Ott

Board Remuneration: stato dell’arte e prospettive future

Il 28 ottobre 2021 alle 17.30 si terrà un webinar in collaborazione con Assogestioni, per approfondire lo stato dell’arte e le prospettive sui compensi dei Consigli di Amministrazione. Interverranno: Paolo Boccardelli, Direttore, Luiss Business School, Emilio Franco, Coordinatore, Comitato dei gestori, Massimo Menchini, Direttore Relazioni Istituzionali e Corporate Governance, Assogestioni, Flavio Zollo, Partner, Hedrick & Struggles. Guido Cutillo, Adjunct Professor e Direttore Osservatorio Executive Compensation e Governance, Luiss Business School, presenterà uno studio sui compensi dei Consigli di Amministrazione delle società del FTSE MIB. Per partecipare al webinar è necessaria la registrazione. REGISTRATI AGENDA Saluti introduttiviPaolo Boccardelli, Direttore, Luiss Business SchoolMassimo Menchini, Direttore Relazioni Istituzionali e Corporate Governance, Assogestioni Keynote SpeechStudio sui compensi dei Consigli di Amministrazione delle società del FTSE MIBGuido Cutillo, Adjunct Professor e Direttore Osservatorio Executive Compensation & Governance, Luiss Business School Tavola rotondaPaolo Boccardelli, Direttore, Luiss Business SchoolEmilio Franco, Coordinatore, Comitato dei gestoriMassimo Menchini, Direttore Relazioni Istituzionali e Corporate Governance, AssogestioniFlavio Zollo, Partner, Hedrick & Struggles

27

Ott

Part-time MBA Milan – Alumni Talk

Mercoledì 27 ottobre, alle ore 18.30, ti invitiamo a partecipare al Webinar dedicato al Part-time MBA Milan, Durante il Webinar avrai la possibilità di scoprire il programma direttamente dalla voce degli Alumni Luiss e approfondire diversi aspetti dalla prospettiva di ex studenti. Saranno presenti i nostri Alumni: Monica Dellepiane – Brand and Product Management at Chamber of Commerce of GenoaEnrico Cestari – Chief Information Officer at Casavo. Potrai capire come hanno sviluppato le loro skill manageriali e come le hanno applicate nei diversi ambiti lavorativi grazie alla formula part-time dell’MBA. Durante il Webinar, il Direttore e il Coordinatore dell’MBA interverranno per fornire ulteriori dettagli sulla terza edizione del programma MBA Part-Time – edizione Milano, in partenza il 12 novembre 2021. Sarà poi possibile interagire e porre domande agli speaker durante una sessione di Q&A. REGISTRATI ORA

26

Ott

La spesa sanitaria come investimento

Ripensare la sanità non più come un costo, ma come un investimento volto a rafforzare l’uso della tecnologia, per migliorare la prevenzione, la diagnosi precoce e il trattamento delle malattie. Ne discuteremo il 26 ottobre durante il webinar organizzato dall’Osservatorio Welfare Luiss Business School, in collaborazione con #VITA (Valore e Innovazione delle Terapie Avanzate). Iscriviti!  Un confronto tra rappresentanti delle istituzioni, dell’università e della società civile, per discutere su un nuovo approccio alla spesa sanitaria, con particolare riferimento alle terapie avanzate. In un contesto come quello attuale in cui accedere a cure innovative è sempre più centrale per un numero crescente di pazienti, è fondamentale ripensare le regole contabili alla base dei sistemi sanitari, nell’ottica di una prospettiva sociale più ampia e per una nuova sostenibilità economica.  AGENDA  16:45 Registrazione e welcome coffee 17:00 Saluti istituzionaliMatteo Caroli, Associate Dean for Internationalization, Luiss Business SchoolAnnamaria Parente, Presidente Commissione Igiene e sanità, Senato della RepubblicaGiovanni Leonardi, Segretario generale, Ministero della Salute 17:30   Tavola Rotonda: Gli investimenti in sanitàCoordina Enzo Peruffo, Associate Dean for Education, Luiss Business SchoolIntervengono:Americo Cicchetti, Direttore, ALTEMS – Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi SanitariAnna Lisa Mandorino, Segretaria generale, CittadinanzattivaMauro Marè, Direttore Osservatorio sul Welfare, Luiss Business SchoolNarciso Mostarda, Commissario straordinario, ASL Roma 6*Fabio Pammolli, Professore ordinario Economia e Management, Politecnico di Milano 18:30   Tavola Rotonda: Le regole contabili e le ATMP come spese di investimentoCoordina Mauro Marè, Direttore Osservatorio sul Welfare, Luiss Business SchoolIntervengono:Giorgio Alleva, Professore ordinario Scienze Statistiche, Università La Sapienza di RomaOn. Vanessa Cattoi, Membro Commissione bilancio, Camera dei DeputatiRenato Loiero, Direttore Servizio bilancio, Senato della RepubblicaOn. Daniele Manca, Membro Commissione bilancio, Senato della Repubblica 19:00   ConclusioniGiuliano Amato, Vice Presidente, Corte Costituzionale *tbc Il webinar è gratuito, per partecipare è necessaria la registrazione. REGISTRATI

Ultime News
Sistemi software e hardware per l’agricoltura di precisione e l’analisi dei modelli economici

07 Dicembre 2021

News & Eventi
Sistemi software e hardware per l’agricoltura di precisione e l’analisi dei modelli economici

Acronimo: Smart Agri Tools Durata del Progetto: 24 mesi Inizio progetto: 22 luglio 2021 Termine progetto: 21 luglio 2023 Partners del progetto: Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli – Luiss Business SchoolUniversità della Tuscia DIBAF - Dipartimento per l'innovazione nei sistemi biologici agroalimentari e forestali Gruppo di ricerca: LUISS: Gianluca Fabbri (Coordinatore Tecnico Scientifico), Simone CavalliniDIBAF – Tuscia: Mauro Maesano, Elena Brunori Il progetto è svolto dal Gruppo di Ricerca costituito dal seguente Team di lavoro: Gianluca Fabbri (Coordinatore Tecnico Scientifico del progetto) e Simone Cavallini per la Luiss Business School e da Elena Brunori e Mauro Maesano per il DIBAF. Descrizione sintetica del progetto La Luiss Business School e l’Università della Tuscia sono partner del progetto SmartAgriTools finanziato nel quadro del bando regionale Gruppi di ricerca 2020 - POR FESR Lazio 2014-2020. Il progetto vede la costituzione di un gruppo di ricerca, costituito da ricercatori della Luiss e dell’Università della Tuscia, per lo studio e la dimostrazione di sistemi software e hardware per l’agricoltura di precisione e l’analisi di modelli economici. Le due università hanno firmato un accordo di collaborazione che mira a svolgere attività in maniera congiunta per valorizzare risultati ottenuti da precedenti attività di ricerca con il fine di dimostrare in ambienti operativi soluzioni per l’agricoltura di precisione. Le attività previste nel progetto consentiranno di aumentare il livello di maturità tecnologica di prototipi per l’agricoltura di precisione precedentemente sviluppati, validandone e dimostrandone l’utilizzo in ambienti reali. Per le attività del gruppo di ricerca sono disponibili i prototipi di una piattaforma in via di sviluppo composta da una componente terrestre, da un aeromobile a pilotaggio remoto e da una stazione di controllo a terra equipaggiata da sensori innovativi volti a definire caratteri qualitativi e quantitativi della produzione viticola ed applicabili ed esportabili anche ad altre coltivazioni agrarie. Durante il progetto i prototipi disponibili verranno integrati in un nuovo sistema prototipale che verrà implementato con nuove soluzioni sensoristiche introdotte nel sistema di monitoraggio a terra. Per motivare il concreto interesse di stakeholders e imprese a partecipare al successivo completamento dello sviluppo della ricerca, della validazione e della dimostrazione dell’innovazione è prevista la realizzazione una piattaforma on line di comunicazione e disseminazione dei risultati integrata con un tool informatico. Sostegno finanziario ricevuto: Contributo totale: 147.657,82€   Contributo Luiss Business School: 103.577,82€   Contributo Tuscia-DIBAF: 44.080,00€   Il progetto è cofinanziato con i fondi del POR-FESR 2014/2020 della Regione Lazio, a valere sull’Avviso Pubblico Gruppi di ricerca 2020 - POR FESR Lazio 2014-2020 approvato con Det n. 19 luglio 2020 n. G08487. 7/12/2021

BT accelera su rete col laboratorio di robotica

03 Dicembre 2021

DigitEconomy.24
BT accelera su rete col laboratorio di robotica

Allo studio le tecniche di scavo usate dai mammiferi. Parla Howard Watson, Chief Technology Officer di Bt Nuove tecniche di locomozione robotica e di scavo ispirate ai mammiferi e agli insetti che passano buona parte della loro esistenza proprio a scavare. Sono tra gli studi che si stanno rivelando promettenti per la realizzazione delle infrastrutture di rete denominate “trenchless” e fanno parte del lavoro del laboratorio di test di robotica per le telecomunicazioni nel Regno Unito lanciato recentemente da BT che ha come obiettivo l’accelerazione della diffusione dell’infrastruttura di rete. Il laboratorio collabora con le università e altri servizi di pubblica utilità allo scopo proprio di sperimentare la nuova gamma di robotica sviluppata nel Regno Unito applicabile alle telecomunicazioni e alle sfide dell'ingegneria civile del settore dei servizi pubblici in tutto il mondo. L'obiettivo è di ridurre i costi medi di 'roll out' della rete Anche le tecniche robotiche magnetiche, di arrampicata e di attraversamento dei cavi stanno maturando, consentendo prove di proof-of-concept su pali di torri wireless e cavi aerei.  L’obiettivo, e l’auspicio, di BT è quello di riuscire quanto prima a impiegare le nuove tecnologie di robotica sviluppate nel laboratorio del Suffolk per ridurre i costi medi di “roll-out” della rete, che attualmente si attestano tra le 250 e le 350 sterline per stabile. L’iniziativa si inserisce nell’ambito dei piani di R&S di BT. Secondo quanto spiega a DigitEconomy.24 (report del Sole 24 Ore Radiocor e della Luiss Business School) Howard Watson, Chief technology officer di BT, il gruppo «è uno dei principali investitori in R&S nel mondo delle telecomunicazioni, con una lunga storia di innovazione nelle telecomunicazioni che risale al 1837. I nostri investimenti in ricerca, nel campo della fibra ottica, del 5G, dell'intelligenza artificiale, della sicurezza informatica e in molti altri ancora, ci stanno aiutando a differenziarci sul mercato e a realizzare quello che è lo scopo della nostra azienda: we connect for good». Nel 2020-21 investiti 720 milioni di sterline in ricerca e sviluppo Nel corso del FY 2020/2021 BT ha investito in ricerca e sviluppo 720 milioni di sterline, depositando 109 domande di brevetto che si aggiungono all’attuale portafoglio di oltre 5.100 brevetti e domande di brevetto. Ma non è solo posa di fibra e di rete in fibra. L’incumbent britannico sta integrando il piano per connettere il Regno Unito con l’uso della tecnologia satellitare. Grazie alla realizzazione di un accordo con l’operatore Leo nel giro di un anno potrà integrare le divisioni consumer e business con questo tipo di tecnologia. I target di BT di copertura con la rete sono molti alti e si inseriscono in un contesto oggi molto competitivo. BT ha deciso di accelerare la copertura della rete: 25 milioni di edifici entro il 2026 La concorrenza tra operatori nella realizzazione delle migliori infrastrutture di rete fissa e mobile è, infatti, sempre più agguerrita. Oltre alla presenza di un incumbent come BT e un operatore come Vodafone, la fusione annunciata lo scorso anno tra O2 e Virgin Media, ha dato vita a un gruppo da 31 miliardi di sterline, ovvero 36 miliardi di euro e ha suscitato l'interesse di altre società come CityFibre, che ha un piano per collegare 8 milioni di edifici entro il 2025, e HyperOptic che punta a 5 milioni entro il 2024. Nell'ultimo anno fiscale (2020/21) Openreach, società della rete controllata da BT, ha superato il record di 2 milioni di edifici raggiunti con Fttp (Fiber to the Fiber-to-the-Premises, ovvero fibra fino allo stabile) e ora conta nel prossimo di poter raggiungere circa 4 milioni di edifici nel corso dell'anno. In considerazione del contesto politico, normativo ed economico, BT ha deciso di aumentare e accelerare la copertura totale della nuova rete Fttp passando da 20 a 25 milioni di edifici entro dicembre 2026. SFOGLIA IL REPORT COMPLETO 3/12/2021

«Interesse dei fondi per la rete non è negativo ma rispettare regole e concorrenza»

03 Dicembre 2021

DigitEconomy.24
«Interesse dei fondi per la rete non è negativo ma rispettare regole e concorrenza»

Parla Rosario Pingaro, vicepresidente del Namex e ad di Convergenze L'interesse dei fondi per le infrastrutture di tlc, come quello di Kkr per Tim, «non è di per sé negativo, ma è importante che ci siano regole certe per l'utilizzo della rete, nel rispetto della libera concorrenza». È la posizione di Rosario Pingaro, vicepresidente del Namex, il maggiore Internet exchange point in Italia, nonché amministratore delegato di Convergenze, operatore di tecnologia integrato attivo nei settori tlc, energia ed e-mobility. Nel tratteggiare con DigitEconomy.24 (report del Sole 24 Ore e della Luiss Business School) le opportunità oggi sul tavolo per il futuro dell'infrastruttura, Pingaro sottolinea la sua contrarietà alla soluzione di creare una rete unica, obiettivo che si otterrebbe sostanzialmente mettendo assieme quella di Tim con Open Fiber. Un argomento tornato di attualità visto che a breve dovrebbe andare in porto l'operazione del passaggio di quote da Enel a Macquarie in Open Fiber e la contestuale ascesa di Cdp al 60 per cento della società della fibra. Tim, invece, è impegnata nell'analisi dell'offerta del fondo americano che, per estrarre valore dalla società vorrebbe dividere la rete dai servizi. «Rete unica? La partita non può essere giocata da un unico grande attore» «Il mercato libero, fatto di tanti piccoli operatori in concorrenza tra loro, ha generato innovazione e miglioramento continuo nell'offerta tlc in moltissimi Paesi del mondo, inclusa l'Italia. Per ciò che riguarda la rete unica, di cui tanto si discute come migliore soluzione per dotare il nostro Paese di un'infrastruttura digitale capillare e di ultima generazione, dal mio punto di vista, la partita non può essere giocata da un unico grande attore, ma dovrebbe prevedere il contributo delle telco di piccole e medie dimensioni presenti in tutta Italia, che perseguano la stessa finalità, ossia infrastrutturare le aree ancora affette da digital divide, in maniera molto efficiente e nel rispetto di regole certe e durature imposte dal legislatore». «Un piano di investimenti multiplo consentirebbe maggiore capillarità d'azione» Poste queste premesse, Pingaro ritiene che «un piano di investimenti multiplo permetterebbe in ogni caso una maggiore capillarità di azione, dando pari opportunità alle aree al di fuori dei grandi centri urbani, e velocizzerebbe allo stesso tempo la realizzazione dell'opera, grazie al contributo sinergico e su più fronti da parte di molteplici soggetti». Certamente, secondo il vicepresidente del Namex, «le forze in gioco sono tante, sicuramente è necessario un coordinamento e delle regole comuni, ma credo questa sia la via giusta per sfruttare quanto già fatto finora dalle telco nazionali e locali, in attesa di un vero e proprio piano per la rete unica, ancora dai contorni troppo sfumati. Inoltre, anche per quanto riguarda il discorso economico non ritengo fondamentale che gli investimenti facciano capo ad un'unica fonte: il caso di Convergenze dimostra al contrario come con un oculato piano di investimenti anche un piccolo operatore possa fare molto per cablare il territorio». «Per investitori internazionali il settore delle tlc è sempre più attrattivo e strategico» In conclusione, l'auspicio è che «gli stakeholder del settore tlc possano comprendere i vantaggi del mercato libero e che il Governo metta in campo proposte più concrete per agevolare gli operatori di telecomunicazioni a svolgere il loro lavoro in un contesto sempre più competitivo, affinché il processo di digitalizzazione del Paese possa continuare senza interruzioni, anche in assenza di un unico macro-operatore». Tornando quindi all'interesse dei fondi per le infrastrutture, «il recente rumor relativo all'offerta da parte del colosso indiano Reliance per comprare la big di telecomunicazioni inglese British Telecom, poi smentito dai diretti interessati, e anche l'interesse del fondo Usa Kkr su Tim, dimostra come il settore delle telecomunicazioni sia ritenuto sempre più strategico e attrattivo da parte degli investitori internazionali». Ed è in questo contesto che Pingaro chiede, di fronte all'interesse di fondi o player di grandi dimensioni internazionali, regole certe per l'utilizzo della rete, nel rispetto della libera concorrenza. «La diversificazione - conclude - rimane una prerogativa per il successo del processo di trasformazione digitale e per questo i Paesi dovrebbero dotarsi di normative e stabilire principi comuni per impedire che ci siano problemi di utilizzo e sviluppo della rete». SFOGLIA IL REPORT COMPLETO 3/12/2021

«Sovranità digitale europea non è protezionismo, ma attenti a rapporti con Cina»

03 Dicembre 2021

DigitEconomy.24
«Sovranità digitale europea non è protezionismo, ma attenti a rapporti con Cina»

L'esperto Gerard Pogorel anticipa le linee del documento dell'European Libéral Forum, la Fondazione parlamentare del Gruppo europeo "Renew"  Autonomia strategica digitale europea: un obiettivo fondamentale da raggiungere che necessita di una serie di azioni e iniziative a livello politico e normativo. Lo spiega Gerard Pogorel, esperto internazionale di tlc e professore emerito di economia, che sta lavorando all'elaborazione di un documento da portare all'appuntamento di febbraio sulla sovranità digitale europea per conto del European Libéral Forum, la Fondazione parlamentare del Gruppo europeo "Renew" di cui fa parte anche il partito del presidente francese, Emmanuel Macron. Anticipando a DigitEconomy.24 (report del Sole 24 Ore Radiocor e della Luiss Business School) alcune linee che saranno l'ossatura del documento da portare in Parlamento, Pogorel spiega che «la sovranità strategica digitale non significa essere protezionisti, tutt'altro, significa invece apertura». Per la sovranità strategica servono forti input di politica industriale Inoltre, la sovranità strategica «suppone input forti di politica industriale pubblica. È infatti importante che l'Europa si occupi, come sta cominciando a fare nell'ambito dei chip o dell'intelligenza artificiale, di politica industriale», ma sempre con un coordinamento forte con l'industria. Tutto questo non può prescindere «da un forte consenso internazionale dei partner e alleati», proprio nel contesto di apertura necessaria del concetto di autonomia strategica. Vanno prese in considerazione «tutte le tecnologie critiche, da qualunque parte provengano, con il minor numero di eccezioni possibili. Vanno, inoltre, garantite fortemente la privacy e la sicurezza, anziché la concorrenza». Serve un quadro chiaro di regole anche di fronte all'interesse per le reti Un capitolo a parte, aggiunge Pogorel, va dedicato alla Cina con la quale bisogna «puntare su rapporti di rivalità e di forza, in un delicato bilanciamento di potere, considerati gli ingenti scambi commerciali in atto con questo Paese». Inoltre l'autonomia digitale strategica implica «un quadro chiaro di regole» e un orientamento deciso «all'innovazione, rimuovendo o alleggerendo in caso, gli ostacoli normativi». Le linee che saranno parte fondante del documento dell'European Liberal Forum si inseriscono in un contesto di appetiti per le infrastrutture strategiche europee, che, dopo le torri, suscitano oggi i più forti interessi da parte dei fondi. Pensiamo, ad esempio, a Tim, per cui il fondo statunitense Kkr ha inoltrato una manifestazione di interesse, o alla britannica BT: i rumor, poi smentiti, hanno parlato di un'imminente offerta da parte del colosso indiano Reliance. Oltre all'opa, il gruppo del miliardario Mukesh Ambani, avrebbe valutato un'alleanza con Openreach, la controllata di BT per la fibra ottica. Testimoniando ancora una volta l'interesse per l'infrastruttura. «È evidente che l'interesse internazionale si è spostato sull'infrastruttura di rete che garantisce ritorni crescenti. Non si tratta anche in questo caso di fare protezionismo, ma servono regole chiare e bisogna tutelare - conclude Pogorel - l'autonomia strategica digitale europea in maniera aperta con obiettivi innovativi». SFOGLIA IL REPORT COMPLETO 3/12/2021