Articolo del Prof. Raffaele Oriani, Associate Dean LUISS Business School. Il Prof. Oriani ha curato il paper “Il Microcredito, le prospettive di una nuova asset class redditizia”, realizzato in partnership con Mikro Kapital.  

Oriani Microfinanza
È noto che la microfinanza ha avuto negli ultimi decenni un impatto fondamentale nel combattere la povertà e nel favorire l’inclusione finanziaria delle fasce più povere e più deboli della popolazione mondiale. Sebbene molta attenzione sia stata dedicata a questo tema da istituzioni, centri di ricerca, analisti ed accademici, una questione è stata studiata in modo molto meno sistematico. È possibile vedere la microfinanza come un’opportunità interessante per gli investitori privati? In altre parole, può la microfinanza essere considerata come una vera e propria asset class, con sue specifiche caratteristiche? Queste domande sono particolarmente interessanti anche alla luce del fatto che negli ultimi anni è cresciuta significativamente la rilevanza del ruolo degli investitori privati nel settore.

L’evidenza riportata nel paper mette in luce l’esistenza di un mercato potenziale ampio e in rapida crescita, la presenza di investitori istituzionali privati (Microfinance Investment Vehicles, MIV), soggetti ad un certo grado di regolamentazione e comunque a delle linee guida di settore, e la possibilità di misurare i rendimenti degli asset, seppur per una parte limitata del mercato. Tali rendimenti, peraltro, sono caratterizzati da una combinazione rischio-rendimento peculiare, con una ridottissima volatilità. Tutti questi elementi tendono a delineare la microfinanza come una specifica asset class.

Inoltre, le analisi svolte mostrano i rendimenti delle attività fixed income gestite dai MIV hanno correlazione negativa con quelli di investimenti di equity e di debito considerati come benchmark. Al tempo stesso, data l’evidenza disponibile, i rendimenti delle azioni di istituzioni finanziarie che operano nel settore della microfinanza sono non perfettamente correlati con quelli di banche ed altre istituzioni finanziarie operanti negli stessi paesi. Questi risultati suggeriscono quindi che gli investimenti in microfinanza, visti come distinta asset class, possono contribuire alla diversificazione quando aggiunti al margine ai portafogli esistenti.

GALLERY

Il Microcredito, le prospettive di una nuova asset class redditizia

15/10/2018