Zte studia applicazioni 5G in porti e industrie, «per guida autonoma almeno 2 anni» | Luiss Business School - School of Management
Zte studia applicazioni 5G in porti e industrie, «per guida autonoma almeno 2 anni»
lbs
Zte studia applicazioni 5G in porti e industrie, «per guida autonoma almeno 2 anni»
lbs

A fare il punto a Digiteconomy.24, report Sole 24 Ore e Luiss Business School, è Lucio Fedele, Vice President e Chief Operating Officer della divisione italiana

Fedele_fb

Zte, oltre a smart stadium, telemedicina e sicurezza, punta anche alle applicazioni 5G nell’automotive. A partire dalle applicazioni per porti e aree industriali che saranno coperti con piccole reti ad hoc. «Per le aziende si tratterà del salto tecnologico rispetto alla copertura wi-fi. Sarà il primo modo di conoscere il 5G, dal punto di vista business quello con un ritorno più immediato». A fare il punto sull’arrivo della quinta generazione di telefonia mobile è Lucio Fedele, vice president e chief operating officer di Zte Italia, compagnia cinese che oltre a implementare lo sviluppo della rete sta puntando, in parallelo, a realizzare applicazioni sostenibili che consentano un risparmio di costi. L’ area che guiderà, invece, lo sviluppo del 5G nell’utilizzo dei device (non necessariamente smartphone), «è quella del gaming», spiega a Digiteconomy.24 (report del Sole 24 Ore e della Luiss Business School).

«Ci saranno aree industriali con tante piccole reti private»

Tornando all’automotive, «in questo settore le applicazioni erano più indietro rispetto ad altri campi come medicina e sicurezza. Per l’automotive ci vuole, infatti, una rete completa e capillare, oggi in via di sviluppo. Diversamente, allo scopo di realizzare lo smart stadium non c’è bisogno che sia pronta tutta la rete, ma solo lo stadio; per un’applicazione di medicina in un ospedale occorre coprire solo quest’area. Per tali ragioni, per vedere un’applicazione come la guida autonoma, e neanche in maniera uniforme in tutto il territorio, ci vorranno almeno due anni». Le prime applicazioni nell’ambito dell’automotive ci saranno invece nei porti e nelle aree industriali. «Una delle applicazioni prevalenti – aggiunge Fedele – si chiama Private network, ovvero creare all’interno di aree delimitate una rete privata 5G dedicata. Non si appoggia alla copertura della rete 5G standard che useremo con i telefonini ma a una rete privata costruita e realizzata allo scopo. Ci saranno, cioè, tendenzialmente nelle aree industriali tante piccole reti private».

Attenzione a sostenibilità, a Shenzen ridotte emissioni di oltre il 90%

Strettamente legato allo sviluppo delle applicazioni «è l’attenzione alla sostenibilità, che consentirà un ampio risparmio di costi. Zte nel 2020 ha ridotto le emissioni totali di composti organici volatili di oltre il 90% nel nostro quartier generale di Shenzhen. Oppure, per fare esempi a noi più vicini, con i nuovi apparati radio e le nuove stazioni di energia per operatori e towerco si stima un potenziale risparmio di circa 35 milioni all’anno». In questo momento «ci stiamo concentrando non solo nello sviluppo delle applicazioni dal punto di vista tecnologico, ma nel renderle il più possibile sostenibili dal punto di vista ambientale, a partire dal reperimento delle materie prime».

Con nuovi apparati risparmi nelle telco per il 20-25% di energia

Il risparmio nelle tlc è soprattutto sul fronte energetico. «Grazie all’implementazione delle nostre nuove apparecchiature, con le stazioni di energia innovative, l’energia che viene consumata è del 20-25% inferiore. Tutto ciò – continua Fedele – riduce i costi per l’operatore finale». Un altro esempio di applicazione sostenibile è quella pensata per l’apicoltura. «Uno degli use case più importanti nell’ambito del trial del Mise su cui abbiamo lavorato all’Aquila, realizzato col consorzio dello zafferano, prevedeva – spiega Fedele – che tramite sensori multispettrali si riesca a controllare, ad esempio, in quale area e quanto c’era bisogno di irrigazione e come e quando occorrono pesticidi».

SFOGLIA IL REPORT COMPLETO

28/06/2021

Data
24 Giugno 2021
Categorie
DigitEconomy.24