L’intervista all’ad per l’ Italia ed Emea, Walter Ruffinoni, oggi su DigitEconomy.24, il report Luiss Business School e Il Sole 24 Ore

2020_DigitEconomy24_Ruffinoni_fb

 

Bene il progetto di rete unica, che sarà un «acceleratore per lo sviluppo della rete fissa», ma l’estensione ad altre tecnologie, come sostenuto oggi in audizione alla Camera dal ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, «potrebbe non portare altrettanti benefici, soprattutto in termini di diversificazione d’offerta e competizione ». Lo sostiene, nell’intervista a DigitEconomy.24 (report del Sole 24 Ore-Radiocor e Luiss Business School) Walter Ruffinoni, ceo di Ntt data Italia ed Emea, precisando che il gruppo non è comunque interessato a entrare direttamente nel progetto rete unica. Ntt, d’altronde, «ha recentemente investito a livello azionario in Nec, una società che attraverso i suoi prodotti altamente tecnologici permette di abilitare la rete e le soluzioni innovative di domani».

Si parla di allargare la rete unica ad altre tecnologie, come il 5G, i data center. E’ un percorso auspicabile?

La rete unica fungerà sicuramente da acceleratore per lo sviluppo della rete fissa, in particolare della fibra, che richiede importanti investimenti infrastrutturali, difficilmente sostenibili dai singoli operatori. Tuttavia l’estensione ad altre tecnologie potrebbe non portare altrettanti benefici, soprattutto in termini di diversificazione d’offerta e competizione. La rete mobile ultra broadband, con tutte le potenzialità del 5G, sarà un alleato importante nel ridurre il digital divide in Italia, garantendo una copertura capillare del territorio e, guardando a quanto accade in Europa e nel resto del mondo, il modello che si sta rivelando vincente per le reti mobili è il co-investimento fra operatori, che permette di condividere il rischio degli investimenti, ma mantiene viva la competizione e favorisce la varietà dei servizi.

Nel caso di un’apertura del concetto di rete unica, voi sareste interessati a coinvestire o a partecipare a livello azionario?

La nostra holding Ntt ha deciso di entrare non direttamente in questo settore. Ntt ha infatti recentemente investito a livello azionario in Nec, una società che attraverso i suoi prodotti altamente tecnologici permette di abilitare la rete e le soluzioni innovative di domani.

All’orizzonte per la digitalizzazione dell’Italia ci sono parte dei fondi del Recovery plan. Come dovrebbero essere utilizzati e a cosa indirizzarsi preferibilmente?

Dalla riforma della Pa, alla transizione energetica, alle infrastrutture sono tante le aree su cui potremo lavorare grazie al Recovery Fund. Abbiamo davanti a noi l’opportunità per accelerare la trasformazione del nostro Paese e avvicinarci ad un nuovo modello di società, l’Italia 5.0, più sostenibile e in cui la tecnologia è a misura e al servizio delle persone.  La rete unica è una grande occasione per realizzare una nuova nazione digitale, che, grazie a una migliore copertura nazionale, permette ai territori di essere connessi. In questo modo è possibile il recupero e rafforzamento del territorio, specialmente quelli più remoti che geograficamente hanno delle peculiarità che hanno frenato gli investimenti in infrastrutture. Avere i territori locali più forti permette al Paese una migliore risposta anche a situazioni come la recente pandemia. L’area fondamentale su cui investire è la formazione, per preparare le generazioni future, e non solo, a sfruttare appieno le potenzialità delle nuove tecnologie non solo a livello professionale, ma anche nella vita quotidiana.  I giovani saranno i cittadini e i professionisti di domani e Ntt Data investe da tempo su di loro portando la tecnologia nelle scuole elementari e medie con le lezioni di coding e coltivando rapporti con i maggiori atenei italiani. Investire sull’avvicinamento dei giovani al digitale significa infatti muovere un passo importante verso una società più inclusiva, incoraggiando anche bambine e ragazze ad avvicinarsi al mondo della tecnologia e della scienza, in cui generalmente c’è una minore presenza di donne.

Quali sono i vostri piani di sviluppo in Italia nel post Covid, anche a livello occupazionale?

Nonostante nella prima fase dell’anno siamo riusciti a contenere l’effetto negativo dell’emergenza Covid, ci aspettiamo comunque un contraccolpo sul business. Il periodo che abbiamo vissuto ha causato un’accelerazione dei processi di trasformazione digitale, soprattutto nelle aziende che durante il lockdown fornivano al Paese i servizi essenziali. Come Ntt Data, durante i mesi passati abbiamo accompagnato diverse aziende in questo percorso di trasformazione, riuscendo a portare a termine diversi progetti completamente in remote working, come un progetto di realtà virtuale e altre infrastrutture chiave. Nel nostro caso l’emergenza non ha frenato le assunzioni, anzi: abbiamo continuato ad assumere anche durante il lockdown, con l’ingresso in azienda di oltre 200 giovani.  È difficile dire cosa accadrà in futuro, ma ci auguriamo che il supporto importante del Recovery Fund segni l’inizio della ripresa dell’Italia, con un focus su formazione e Sud a livello Paese. Anche noi come azienda riteniamo importante investire su queste aree e speriamo di continuare nello sviluppo delle nostre sedi meridionali e  nelle assunzioni dei giovani e delle giovani.

SFOGLIA IL REPORT COMPLETO

10/9/2020