Partnership
Partnership
Partnership
Partnership

09 Marzo 2021

Smart Export – L’accademia digitale per l’internazionalizzazione

Luiss Business School partecipa al progetto coordinato e promosso dal Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale in collaborazione con Agenzia ICE e la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) Con un modulo in Business Intelligence e sviluppo internazionale nell’era post-Covid, Luiss Business School partecipa al progetto formativo "Smart Export - L’accademia digitale per l’internazionalizzazione", coordinato e promosso dal Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale in collaborazione con Agenzia ICE e la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) nell’ambito delle nuove strategie per il sostegno al Made in Italy del “Patto per l’Export”. L’iniziativa è mirata a sostenere e ampliare la proiezione italiana verso i mercati esteri attraverso il rafforzamento della capacità strategica, digitale e manageriale delle micro, piccole e medie imprese e dei professionisti italiani. La presentazione del progetto, in programma per il giorno 10 marzo alle 10.30, sarà inaugurata dagli interventi del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio, del Ministro dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, del Presidente dell’Agenzia ICE, Carlo Ferro e del Presidente CRUI, Ferruccio Resta. Per Luiss Business School è previsto l’intervento del Direttore Paolo Boccardelli: la Scuola partecipa con il modulo formativo Business Intelligence e sviluppo internazionale nell’era post-Covid (crescita organica, M&A, sviluppo internazionale, innovazione del business model), progettato allo scopo di fornire la strumentazione teorica e concettuale per la comprensione e la definizione delle strategie di business intelligence e di sviluppo internazionale in un’ottica di ri-trasformazione cui la società andrà incontro nell’era post-pandemica. Il progetto si avvale del contributo didattico di cinque prestigiose Università e Business School italiane. Oltre a Luiss Business School ne fanno parte Bologna Business School, Federica Web Learning – Università di Napoli Federico II, MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business e SDA Bocconi School of Management. Durante la presentazione i rappresentanti delle Università e Business School illustreranno i singoli percorsi formativi di cui si compone l’iniziativa. I contenuti didattici – fruibili in modalità e-learning e completamente gratuiti – saranno on-line per 12 mesi, 24 ore al giorno, sulla piattaforma Federica Web Learning dell’Università di Napoli Federico II accessibile attraverso la pagina dedicata https://smartexportacademy.it . Per maggiori informazioni è disponibile una pagina dedicata sul sito MAECI. 9/3/2021

25 Gennaio 2021

Cortina 2021: i Campionati del Mondo di sci alpino nelle aule Luiss Business School  

Una partnership tra il Commissario di Governo del progetto sportivo “Cortina 2021” e Luiss Business School, per gli studenti di Sport Management – Major del Master in Media and Entertainment e Digital Marketing – Major del Master in Marketing Management, che avranno la possibilità di imparare direttamente dai protagonisti, la progettazione e realizzazione dei Campionati del mondo di sci alpino nell’anno della pandemia. I Mondiali di sci alpino di Cortina (8-21 febbraio) sono un’occasione unica per lasciare anche un’eredità culturale, scientifica, organizzativa, conoscitiva oltre a quella fisica rappresentata da opere e interventi strutturali: è questo lo spirito che ha mosso il Commissario di Governo del progetto sportivo “Cortina 2021”, Dr. Valerio Toniolo e la Luiss Business School, Scuola di Business e Management della Luiss “Guido Carli” di Roma, a dare vita ad un progetto di alta caratura, destinato agli studenti di Sport Management – Major del Master in Media and Entertainment e Digital Marketing – Major del Master in Marketing Management, che avranno la possibilità di imparare direttamente dai protagonisti della progettazione e realizzazione dei Campionati del mondo di sci alpino. Un’opportunità straordinaria per vedere da vicino l’organizzazione complessa di un evento mondiale, resa ancora più complessa dall’emergenza Covid. Lo spiega il Commissario Valerio Toniolo: «Il lavoro che c'è dietro un appuntamento di questa portata è immenso. Da anni, la struttura che ora dirigo ha progettato e realizzato interventi sul territorio di importanza assoluta, dall'allargamento delle piste, al potenziamento degli impianti, alla creazione di aree parcheggio, di una nuova pista per gli allenamenti e per i prossimi mesi sono previsti altri interventi significativi per la viabilità e per la vita della comunità, come la ristrutturazione della piscina comunale. Per degli studenti capire come funziona la macchina operativa, quali siano le competenze e quali le priorità, è fondamentale. Non ultimo, l'aspetto di comunicazione, che per un evento mondiale di questa portata, ha un peso specifico notevole. E naturalmente le strategie di marketing con il coinvolgimento degli sponsor». Per Luiss Business School, che grazie ad una intesa con Confindustria Belluno Dolomiti è presente nel territorio con l’Hub Veneto delle Dolomiti (polo di alta formazione, consulenza e ricerca applicata nell'area del business), l’accordo contribuisce a stringere un legame ancora più forte con il tessuto nazionale, offrendo agli studenti un posto in prima fila nel processo di creazione e gestione di grandi eventi sportivi. In un contesto così dinamico, altamente competitivo e complesso come quello del business sportivo, le offerte formative di Luiss Business School sono in grado di fornire ai partecipanti la conoscenza necessaria per operare con successo. Il Major in Sport Management è realizzato da Luiss Business School in partnership con l’AS Roma, società calcistica con la missione di rappresentare la città di Roma in ambito sportivo, e Italiacamp, organizzazione che sviluppa processi di innovazione sociale a impatto positivo per il Paese, creando connessioni tra istituzioni, aziende, associazioni e università. Education, sport e impatto sociale sono quindi gli elementi che connettono i partner del Major. In un contesto così dinamico, altamente competitivo e complesso come quello del business sportivo, il Master in Media and Entertainment – Major in Sport Management è in grado di fornire ai partecipanti la conoscenza necessaria per operare con successo nell’industria sportiva. Il programma è infatti progettato per fornire le skill necessarie per competere non solo nell’industria sportiva, ma anche per cogliere le opportunità di altri business correlati. L’appuntamento, per gli studenti, è a Villa Blanc, sede romana della Luiss Business School, per il Welcome Day del 25 gennaio. L’intera attività didattica potrà così lasciare un segno per una manifestazione, che la pandemia ha costretto a porte chiuse, ma che rappresenta un appuntamento sportivo internazionale che sarà seguito da 500 milioni di persone sparse nei cinque continenti. Valerio Toniolo: «Sarà un evento 4.0, forte della complicità digitale e delle nuove frontiere apertesi in questi ultimi mesi. Una “sperimentazione”, un modello operativo. Una sfida vinta». 25/1/2021

22 Dicembre 2020

Enav e Luiss Business School: accordo per formazione e ricerca applicata

Al via la collaborazione nei settori economico-giuridico e della corporate compliance   ENAV, la Società che gestisce il traffico aereo civile in Italia, e Luiss Business School hanno firmato oggi un protocollo d’intesa volto a sviluppare programmi di formazione e di ricerca, in ambito sia nazionale sia internazionale, nei settori economico-giuridico e della corporate compliance, rafforzando in questo modo il rapporto fra mondo accademico e impresa. Al cuore dell’accordo vi è, unitamente alla volontà di sviluppare dinamiche tendenti alla creazione di un ambiente accademico ed industriale sinergico, l’interesse a potenziare la diffusione della cultura manageriale, lo studio e la realizzazione di programmi di formazione specializzata mediante nuove metodologie e forme di insegnamento, e di iniziative di ricerca e sviluppo.  “Siamo lieti della collaborazione con una delle università più riconosciute a livello nazionale ed internazionale. Per ENAV, una società che fa dell’innovazione e dell’eccellenza i pilastri principali - spiega la Presidente Francesca Isgrò - investire sulla formazione delle risorse e nella crescita dei profili professionali è un obiettivo strategico. La corporate governance nel settore economico e giuridico al quale presteremo grande attenzione, sarà la base per creare sinergie tra mondo accademico e industriale e strutturare programmi di ricerca che ci vedrà coinvolti con grande impegno”. “La nostra Scuola – ha commentato il Direttore di Luiss Business School Paolo Boccardelli – si conferma cuore pulsante dello sviluppo di una cultura imprenditoriale basata sulla continua formazione di talenti. L’accordo con ENAV, che pone al centro della propria iniziativa industriale il valore del successo sostenibile dell’impresa e la più elevata attenzione al presidio della governance e della corporate compliance sociale, interpreta appieno la missione che Luiss Business School persegue con successo da anni, e apre nuove interessanti prospettive nel campo della ricerca applicata”.   Sfoglia la rassegna stampa: Borsa italiana, Enav e Luiss Business School: accordo per formazione e ricerca applicata  Il Messaggero, Enav e Luiss Business School siglano protocollo intesa per formazione e ricerca applicata  Il Secolo XIX, Enav e Luiss Business School siglano protocollo intesa per formazione e ricerca Il Sole 24 ore, Intesa Enav-Luiss Business School su formazione e ricerca applicata   La Stampa, Enav e Luiss Business School siglano protocollo intesa per formazione e ricerca  la Repubblica, Enav e Luiss Business School siglano protocollo intesa per formazione e ricerca  Teleborsa, Enav e Luiss Business School siglano protocollo intesa per formazione e ricerca  Tgcom24, Enav: accordo con Luiss Business School per formazione e ricerca applicata  22/12/2020

13 Novembre 2020

Intesa Sanpaolo e Luiss Business School: una partnership per delineare un nuovo modello di governance dei rischi finanziari

  Al via oggi l’Executive Programme in “Governance, vigilanza e strategia degli intermediari finanziari” con gli interventi di Stefano Lucchini, Chief Institutional Affairs and External Communication Officer Intesa Sanpaolo, e Paolo Boccardelli, Direttore Luiss Business School Intesa Sanpaolo e Luiss Business School lanciano oggi la prima edizione dell'Executive Programme in “Governance, vigilanza e strategia degli intermediari finanziari”, un programma di alta specializzazione che fornisce strumenti e competenze avanzati per operare nell’ambito degli intermediari finanziari e fronteggiare le sfide di mercati sempre più connessi e digitalizzati. I 15 partecipanti selezionati – consulenti, amministratori ed executive manager dai background che spaziano dal mondo bancario, finanziario, legale, all’analisi dei dati – potranno approfondire l’evoluzione della regolamentazione finanziaria e dei sistemi di vigilanza e di controllo, analizzarne gli impatti sul sistema economico e produttivo e contribuire alla definizione di un nuovo modello di governance del rischio finanziario. L’obiettivo del programma è infatti supportare regolatori e intermediari finanziari con l’elaborazione di una “Better Regulation” in grado di contemperare principi di stabilità finanziaria con obiettivi di crescita economica. I partecipanti avranno l’opportunità di arricchirsi professionalmente a 360°, sia potenziando le competenze specialistiche in ambiti quali finanza aziendale, risk management, compliance, economia degli intermediari finanziari, sia sviluppando una visione strategica e la capacità di incidere sugli assetti istituzionali. Il programma si avvale inoltre di una faculty prestigiosa, che coinvolge, tra gli altri, Stefano Del Punta, Chief Financial Officer di Intesa Sanpaolo e Stefano Lucchini, Chief Institutional Affairs and External Communication Officer di Intesa Sanpaolo. L’iniziativa infatti rinnova e consolida la partnership tra Intesa Sanpaolo e Luiss Business School per la formazione di una classe dirigente che sappia indirizzare la crescita e la competitività del Paese in scenari economici e politici globalizzati. “Con questo programma ci siamo posti obiettivi ambiziosi” ha dichiarato Enzo Peruffo, Associate Dean for Executive Education, Luiss Business School. “Da una parte quello di rispondere a un’esigenza di mercato e formare figure manageriali in grado di operare in più settori, che sono sempre più richieste, dall’altra quello di contribuire con la formazione a una sfida di respiro europeo, che mette al centro la crescita delle aziende e una regolazione che tuteli la legalità e supporti l’economia”.  Stefano Lucchini, Chief Institutional Affairs and External Communication Officer Intesa Sanpaolo, ha commentato: “Il settore bancario sta attraversando importanti cambiamenti anche legati agli adempimenti normativi in materia di governance e vigilanza. Per svolgere questo lavoro, dovuto e giusto, le banche devono trovare professionalità solide, continuamente aggiornate. Da qui il compito di Intesa Sanpaolo di contribuire alla formazione su questi temi specialistici collaborando con università qualificate come Luiss, con cui il legame è storico e sempre vivo”. La governance dell’Executive Programme si avvale di due codirettori: Mirella Pellegrini, Ordinario Luiss e Marcello Mentini, Intesa Sanpaolo, e di un comitato scientifico composto da Paolo Boccardelli, Stefano Lucchini, dr. Stefano Del Punta, prof. Enzo Peruffo, avv. Laura Lunghi e prof. Paola Lucantoni. Rassegna Stampa Corriere della Sera, Accordo Intesa Sanpaolo-Luiss  Il Tempo, Intesa Sanpaolo con Luiss lancia il master per la vigilanza finanziaria La Notizia, Corso per super manager di Banca Intesa e Luiss Business School  13/11/2020

15 Ottobre 2020

Al via “Italia 2030”, il progetto di MiSE e Luiss Business School per il futuro sostenibile del Paese

L’economia circolare al centro delle proposte di policy sviluppate congiuntamente dalle principali aziende e università italiane, che saranno presentate e discusse a partire dal 20 ottobre in una serie di webinar aperti Il Ministero dello Sviluppo Economico e Luiss Business School lanciano “Italia 2030”, un progetto di sistema che punta a supportare i decisori politici e gli stakeholder economici e sociali nella comprensione dell’economia circolare e delle sue opportunità per la crescita sostenibile del Paese. A partire dal 20 ottobre, si terranno 13 webinar aperti per presentare i risultati delle ricerche svolte in collaborazione con le principali aziende italiane su un tema tanto strategico. “Italia 2030” è un progetto che prende le mosse dalle attività avviate già a novembre 2019 da MiSE e Luiss Business School, con la collaborazione di Cassa Depositi e Prestiti, Enel, Eni, Generali, Intesa Sanpaolo, Italgas, Leonardo, Poste Italiane, Snam e Terna. In particolare, sono stati attivati 15 tavoli di lavoro specialistici, con l’obiettivo di mettere a confronto gruppi e aziende con università di primaria importanza, quali Gran Sasso Science Institute, Politecnico di Bari, Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Università Bocconi, Università Cattolica, Università degli studi di Napoli Federico II, Università La Sapienza, Princeton University. I tavoli di lavoro hanno approfondito a 360° le applicazioni e le innovazioni dell’economia circolare nei settori automotive, aerospazio, agricoltura e alimentazione, energia e fonti rinnovabili, gestione dei rifiuti, finanza, chimica verde e costruzioni, mettendoli in connessione con l’indagine sui cambiamenti sociodemografici del Paese, quali trend dei consumi sostenibili, active aging, famiglia, fecondità e lavoro, governo e valorizzazione dell’immigrazione. Ciascun tavolo di lavoro si è concluso con la produzione di un discussion paper dal taglio divulgativo, che fornisce un quadro conoscitivo organico e approfondito dello specifico tema e formula una serie di proposte di policy nell’ambito oggetto della ricerca. Le riflessioni e i confronti si sono arricchiti ulteriormente con l’emergenza sanitaria e hanno visto le aziende e i gruppi partner di “Italia 2030” elaborare proposte operative e implementabili per il superamento della crisi e il rilancio sostenibile del Paese. I discussion paper saranno quindi il punto di partenza per i 13 webinar, accessibili alla pagina luiss.business/italia2030, che presenteranno i risultati delle ricerche e vedranno università, aziende e istituzioni confrontarsi sulle proposte di policy emerse. “Abbiamo promosso ‘Italia 2030’ per dare vita a un piano di azione congiunto in cui l’economia circolare fosse al centro delle strategie per il futuro del Paese, a partire proprio da conoscenze e competenze. Solo se continueremo ad avvicinare le opportunità dell’economia circolare a cittadini e aziende, le sue potenzialità diventeranno reali. È una necessità per il Paese, che non può permettersi di perdere il treno della sostenibilità, ed è resa ancora più impellente alla luce della direzione green del Recovery Fund”, ha commentato Stefano Buffagni, Viceministro allo Sviluppo Economico. “Serve un approccio sinergico per scrivere il futuro del Paese e in questo il ruolo delle università deve essere centrale” ha dichiarato Paolo Boccardelli, Direttore della Luiss Business School. “Ricerca e competenze devono essere sviluppate nell’ottica di supportare i decisori politici e le aziende nella definizione delle strategie di crescita e innovazione, ancora di più oggi che le sfide sono globali e richiedono un impegno congiunto da parte del mondo del business e delle istituzioni”. SCOPRI I WEBINAR 15/10/2020

15 Settembre 2020

Luiss Business School riapre agli studenti con l’MBA International Week in partnership con YOOX NET-A-PORTER GROUP

Nel corso della nuova edizione gli studenti svilupperanno proposte per le future strategie di YOOX ancora più sostenibili     Luiss Business School riapre agli studenti e riprende le attività didattiche in presenza a Villa Blanc con l’MBA International Week. La quarta edizione del programma, in partnership con YOOX NET-A-PORTER GROUP, vedrà 20 studenti MBA di ESSEC Business School in Francia, Mannheim Business School in Germania, KU Leuven in Belgio confrontarsi sul business case “YOOX – Beyond seasons, beyond trends: the future of fashion e-tail”. L’MBA International Week è un appuntamento della Luiss Business School che ogni anno si focalizza sulle sfide future del Made in Italy e che vedrà al centro dell’edizione 2020 le trasformazioni di moda e lusso sempre più all’insegna della sostenibilità. La collaborazione con YOOX NET-A-PORTER sarà un’occasione unica per gli studenti internazionali di conoscere in prima persona e approfondire sul campo la storia di YOOX, primo e-commerce al mondo di moda e lusso, nato in Italia e diventato un successo globale. Oltre ai workshop e alle lezioni, che coinvolgeranno anche Paolo Mascio, Presidente Fashion Division di YOOX NET-A-PORTER, gli studenti visiteranno l’innovativo centro di distribuzione di Bologna. Alla fine della settimana, i partecipanti all’MBA International Week avranno l’opportunità di proporre le proprie visioni sulle strategie future di YOOX, da sempre leader nel settore della moda e del lusso per l’adozione di comportamenti sostenibili. Fin dalla sua nascita nel 2000, infatti, YOOX ha sempre promosso un approccio consapevole e responsabile allo shopping, incoraggiando i clienti a rispettare il pianeta attraverso acquisti che durano nel tempo e superano il concetto di stagionalità delle collezioni. “L’MBA International Week è un’occasione unica per approfondire le eccellenze del Made in Italy e stimolare con avanzati casi di studio gli studenti MBA delle più prestigiose Business School internazionali – ha dichiarato Raffaele Oriani, Associate Dean Luiss Business School e MBA Director –. Il business case di Yoox ci permetterà di analizzare un successo internazionale dal punto di vista dell’innovazione e di esplorare le opportunità di un futuro sostenibile, essenziale per ripensare i modelli di business”. “Siamo felici di collaborare con la Luiss Business School e condividere con gli studenti internazionali l’esperienza ventennale da pionieri nel settore dell’e-commerce della moda e del lusso e la visione strategica per il futuro dell’industry. Per affrontare le sfide imposte da un settore in forte fermento è indispensabile investire nel capitale umano, supportare i giovani e favorirne la crescita. La sostenibilità è sempre stata nel DNA di YOOX quindi instaurare un dialogo con i migliori talenti su questi temi è fondamentale per formare leader del futuro più consapevoli.” ha concluso Paolo Mascio, Presidente Fashion Division di YOOX NET-A-PORTER. 15/09/2020

04 Agosto 2020

AS Roma, Luiss Business School e ItaliaCamp insieme per il lancio del Master Universitario in Sport Management

Per la prima volta un club sportivo e una Scuola di alta formazione uniscono le forze per formare la classe dirigente sportiva del futuro   AS Roma, Luiss Business School e ItaliaCamp lanciano oggi Sport Management - Major del Master Full-time in Media and Entertainment. Il progetto di formazione è il primo in Italia che nasce da una partnership strutturata tra un club sportivo e una realtà universitaria ed è stato sviluppato per fornire il set di competenze necessarie per svolgere le professioni collegate al mondo del Business e del Management dello Sport. Il programma mira, infatti, a formare figure professionali in grado di operare a 360° in organizzazioni e società sportive, dalla gestione dei progetti a quella degli impianti, dal marketing e i rapporti con i media all’organizzazione di eventi, dalle sponsorizzazioni alla compravendita dei diritti. La collaborazione affiancherà la formazione manageriale Luiss Business School, che vedrà il coinvolgimento di una faculty di eccellenza di accademici e professionisti, a testimonianze, casi di studio, opportunità di mettere in pratica sul campo i temi trattati nel corso del Master, messi a disposizione dal Club per gli studenti. L’impegno della Società si concretizzerà inoltre, nell’erogazione di borse di studio destinate agli studenti più meritevoli. “Con questa partnership vogliamo fornire ai giovani un’opportunità concreta e innovativa per intercettare le trasformazioni dell’industria sportiva nella società del digitale” ha dichiarato Raffaele Oriani, Associate Dean Luiss Business School. “Oggi l’industria sportiva richiede professionisti specializzati che possiedano competenze multidisciplinari e trasversali per interpretare le evoluzioni del settore in una prospettiva globale, in cui il management sportivo sappia confrontarsi con le sfide della sostenibilità, dell’impatto sociale e del ruolo delle nuove tecnologie”. “Siamo orgogliosi di poter mettere a disposizione degli studenti la nostra esperienza e di poter trasferire loro il nostro know how nel settore dello sport” ha aggiunto Francesco Calvo, Chief Operating Officer AS Roma. “È nostro dovere interpretare il ruolo di piattaforma sociale che riveste storicamente il Club ed è per questo che siamo felici di partecipare al percorso formativo dei ragazzi, offrendo loro nuove opportunità professionali”. Per Fabrizio Sammarco, fondatore e AD di ItaliaCamp, impact organization nata dieci anni fa proprio in Luiss, “Continua così il nostro impegno nel mondo dello sport, dopo aver lavorato in questi anni alle valutazioni di impatto sociale di AS Roma, Lega Serie B e Lega Pro. Il valore sociale dello sport merita di emergere sempre di più ed essere gestito in maniera manageriale. Education, sport e impatto sociale sono fortemente legati, ed è sulla base di questa sensibilità che assegneremo la borsa di studio ItaliaCamp per il Major in Sport Management”. SCOPRI SPORT MANAGEMENT 4/8/2020

10 Luglio 2020

IREN e Luiss: accordo per la crescita dei territori e lo sviluppo di competenze manageriali e professionali

IREN e Luiss Business School realizzeranno anche attività di ricerca congiunta e iniziative volte a valorizzare i talenti   IREN e Luiss hanno firmato oggi un accordo volto a stimolare la crescita dei territori in cui opera IREN attraverso la valorizzazione dei talenti locali, a sviluppare le competenze manageriali e professionali delle risorse del gruppo e a promuovere la diversità di genere quale valore fondamentale per la crescita sostenibile. IREN e Luiss Business School, inoltre, realizzeranno anche attività di ricerca congiunta e progetteranno programmi di aggiornamento professionale dedicati, con l’obiettivo di formare il ceto dirigente del futuro nel settore delle multi-utility in cui IREN è protagonista. In particolare, IREN sarà coinvolta da Luiss nel progetto “National Training Program” – Controesodo, che si pone l’obiettivo di valorizzare il principio del controesodo: l’idea di un modello formativo virtuoso nel quale promuovere il rapporto con il territorio e provare a rispondere efficacemente al problema della fuga e rientro dei cervelli, oltre il rispetto dei legami e dei sentimenti. IREN erogherà quindi delle borse di studio per lo sviluppo dei migliori talenti che studiano in Luiss e che provengono dai Territori storici in cui il Gruppo opera. Elemento centrale della collaborazione fra IREN e Luiss Business School riguarderà il Master Universitario in Global Energy Management – Major del Master in Management & Technology: IREN parteciperà infatti all’attività didattica, attraverso docenze e testimonianze aziendali, attiverà stage e tirocini di formazione e orientamento per gli studenti del Master ed erogherà borse di studio per studenti meritevoli. Infine, ma non meno importante, IREN parteciperà al progetto di Luiss Business School Data Girls – GROW (Generating Real Opportunities for Women) che ha l’obiettivo di promuovere, sostenere e migliorare lo sviluppo personale e professionale delle studentesse Luiss Business School con particolare attenzione all’inserimento nel mondo del lavoro e alla promozione della carriera professionale finalizzata al raggiungimento di posizioni di vertice in aziende, amministrazioni, enti, università e altre organizzazioni. “Viviamo un momento storico attraversato da profonde e rapide trasformazioni. In questo contesto, lo sviluppo e la formazione di competenze sarà un fattore sempre più discriminante per assicurare la competitività futura delle strutture organizzative che vedranno una straordinaria trasformazione dei modelli lavorativi tradizionali. Siamo quindi particolarmente orgogliosi di poter annunciare l’accordo con Luiss Business School per favorire la crescita professionale degli studenti, con una particolare attenzione all’equilibrio di genere”, ha affermato l’Amministratore Delegato del Gruppo Iren Massimiliano Bianco. “La missione di Luiss Business School è formare il ceto dirigente del Paese del futuro”, ha dichiarato Paolo Boccardelli, direttore della Luiss Business School. “Il settore dell’energia e delle multiutility in generale si trova oggi di fronte a sfide complesse che vanno affrontate con una nuova cassetta degli attrezzi, che unisca le competenze tecniche a quelle digitali e di analisi dei dati, in un approccio che coniughi il solido e fondamentale legame con il territorio alla visione globale dei trend”, ha concluso Boccardelli. 10/7/2020